P22 – Accesso al Servizio Sociale Professionale – rev.1 del 20.4.2017

Definizione

Il Servizio Sociale Professionale opera a favore della prevenzione, del sostegno e del recupero di persone, famiglie e gruppi che si trovano in situazioni di bisogno e di disagio. Il servizio ha come scopo la promozione del benessere della persona. Al Servizio sociale di base possono accedere tutti i cittadini residenti (Famiglie con minori, adulti in difficoltà, persone con disabilità, anziani).

Attività svolte e servizi offerti

Durante un primo colloquio di Segretariato Sociale il cittadino espone il proprio problema. L’assistente sociale effettua una prima lettura del bisogno, fornisce informazioni ed eventualmente orienta verso altri servizi del territorio. Qualora la situazione lo richieda, l’assistente sociale elabora un progetto di intervento mirato alle specifiche necessità e lo condivide con la persona e/o con la famiglia. In seguito il progetto viene messo in atto e monitorato periodicamente. li interventi del Servizio sociale Professionale si coordinano e si integrano con i servizi specialistici e con la rete dei servizi sociali, socio-educativi, socio-assistenziali e socio-sanitari del territorio al fine di promuovere l’acquisizione e il mantenimento dell’autonomia e della capacità di assunzione di responsabilità dell’individuo. Il Servizio Sociale Professionale è svolto da assistenti sociali che, a seconda dei casi, collaborano con altre figure professionali (psicologi, pedagogisti, educatori, medici, psichiatri, ecc.) afferenti ai diversi servizi specialistici.

Il progetto di intervento sociale prevede la definizione di un percorso di aiuto specifico per le diverse categorie di utenza attraverso la fruizione di servizi erogati direttamente dall’Amministrazione Comunale e/o attraverso l’accesso a risorse territoriali di ambito.

Modalità di accesso

E’ possibile accedere al servizio senza appuntamento il martedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 attraverso l’accesso allo sportello di segretariato sociale professionale. In alternativa, le Assistenti Sociali ricevono su appuntamento in via Libertà, 33, nei seguenti orari: dal lunedì al giovedì 8.30–16.30, venerdì 8.30-13.30 chiamando il n. 02 33509350-1-2.

Mail: assistentisociali@comune.settimomilanese.mi.it

Tempi della qualità

L’accesso effettuato nei modi e nei tempi sopracitati avviene senza attesa, in modo immediato

 

Attività svolte e servizi offerti 

SEGRETARIATO SOCIALE PROFESSIONALE

Una delle attività fondamentali del Servizio Sociale Professionale è lo Sportello di Segretariato Sociale Professionale. Assume la funzione privilegiata di osservatorio e monitoraggio dell’evoluzione dello scenario socio culturale attraverso la rilevazione e l’analisi dei bisogni.

L’attività di Segretariato Sociale consiste nell’accogliere e filtrare la domanda che il cittadino presenta in relazione ad un bisogno o alla richiesta di uno specifico servizio.

L’attività è organizzata attraverso l’apertura al pubblico di uno sportello settimanale con accesso libero. In caso di necessità da parte dei cittadini vi è la possibilità di fissare appuntamenti al di fuori dell’orario prestabilito, contattando il Servizio Sociale Professionale ai propri recapiti.

Le domande presentate allo Sportello di Segretariato Sociale che necessitano di un ulteriore approfondimento vengono valutate dall’equipe degli assistenti sociali che individua un referente al suo interno.

L’analisi degli elementi raccolti può portare ad una presa in carico della situazione oppure ad una chiusura dell’intervento.

 

Tempi

Dal primo contatto (telefonico/mail) dell’utente con il servizio, la risposta avviene entro 10 gg lavorativi.

SERVIZIO DI SOSTEGNO EDUCATIVO INTEGRATO (Se.Sei.)

I Servizi educativi sono interventi di sostegno svolti nel contesto scolastico e/o domiciliare individualizzati e/o di gruppo erogati dalla cooperativa aggiudicataria dell’appalto dell’Amministrazione Comunale e dall’Azienda Speciale Sercop – servizio Se.Sei. a partire dalla rilevazione del bisogno svolta dal Servizio Sociale Professionale o del Servizio Tutela minori a fronte di provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria.

Link Sercop: www.sercop.it

A chi si rivolge

A tutte le famiglie con figli minori residenti.

Attività svolte e servizi offerti

La programmazione degli interventi educativi è condivisa tra il Servizio Sociale Professionale e l’Equipe psicopedagogica Se.Sei. che stila un Progetto educativo individualizzato per il minore e individua l’educatore per il progetto che seguirà il minore a casa e/o a scuola. Tale progetto viene condiviso dall’Assistente Sociale con la famiglia. Nel progetto sono definiti gli obiettivi da raggiungere e le modalità d’intervento. Sono previsti momenti di verifica e di adeguamento del progetto tra l’assistente sociale, l’educatore, il coordinatore Se.Sei. e la famiglia. Gli interventi prevedono diverse attività: ricreative e di gioco, sostegno scolastico, di socializzazione del minore con i suoi coetanei, di mediazione e facilitazione nel rapporto del minore con i genitori e con il mondo degli adulti.

Modalità di accesso

Il Servizio può essere richiesto al Servizio Sociale Professionale dalle scuole di ogni ordine e grado e dai servizi sanitari specialistici (UONPIA), presentando una specifica richiesta su propria modulistica. Il servizio può essere attivato dal Servizio Sociale Professionale all’interno di un progetto di intervento a favore del minore e della sua famiglia oppure disposto dalle Autorità competenti, in funzione delle risorse disponibili.

In caso di richieste eccedenti la disponibilità delle risorse viene stilata una lista d’attesa.

Tempi

Entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta delle scuole e dei servizi specialistici, il Servizio Sociale Professionale invia comunicazione scritta di presa in carico dell’istanza per successiva valutazione ed eventuale attivazione dell’intervento.

SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (S.I.L.)

Il servizio è finalizzato a creare un incontro tra domanda e offerta di lavoro a favore di persone in condizione di svantaggio sociale e/o appartenenti a categorie protette che non riescono ad accedere al mercato del lavoro per gli ordinari canali.

A chi si rivolge

Persone con disabilità in possesso di certificazione ex L. 68/99 e/o in condizione di svantaggio sociale.

Attività svolte e servizi offerti

La gestione delle attività connesse all’integrazione e inserimento nel mondo del lavoro consiste in una attività di valutazione delle capacità lavorative e accompagnamento delle persone verso l’inserimento lavorativo.

Il servizio è una risorsa per le persone fragili, ma anche per le imprese che devono ottemperare gli obblighi in materia di collocamento obbligatorio.

Modalità di accesso

Per avere informazioni e accedere al S.I.L. è necessario effettuare un colloquio con l’assistente sociale.

UFFICIO DI PROTEZIONE GIURIDICA (U.P.G.)

L’Ufficio di Protezione Giuridica (U.P.G.) è un servizio costituito nell’Ambito del Rhodense per soddisfare quanto previsto dalla Legge n. 6 del 2004 che ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico l’Amministrazione di Sostegno.

A chi si rivolge

Persone con disabilità, anziani e adulti privi in tutto o in parte di autonomia nell’espletamento delle funzioni della vita quotidiana.

Attività svolte e servizi offerti

Il servizio UPG-Sercop, per la gestione della protezione giuridica delle persone fragili (anziani e disabili), prevede l’integrazione di più funzioni (sociale, amministrativa-contabile, legale, di orientamento, di sostegno e raccordo con la rete territoriale). Gli amministrati sono coloro per i quali il Sindaco sia stato nominato amministratore di sostegno e lo stesso abbia formalmente delegato le funzioni gestionali all’UPG-Sercop. Oltre a ciò, l’UPG-Sercop svolge un servizio di consulenza ai cittadini su invio del Servizio Sociale Professionale.

Modalità di accesso

Per avere informazioni e accedere all’U.P.G. il cittadino può rivolgersi al Servizio Sociale Professionale oppure contattare direttamente l’ufficio (link U.P.G.).

UNITA’ MULTIDIMENSIONALE D’AMBITO (U.M.A.)

L’ Unità Multidimensionale d’Ambito (U.M.A.) è un servizio dell’Azienda speciale consortile Sercop che offre agli Assistenti Sociali dei Comuni una consulenza psicosociale in merito alle situazioni di persone con disabilità in carico. L’obiettivo di tale intervento è quello di fornire ai cittadini un orientamento mirato circa le risorse del territorio in tema di disabilità e i bisogni specifici degli utenti per costruire il proprio progetto di vita (U.M.A.).

A chi si rivolge

Persone con disabilità, anziani e adulti privi in tutto o in parte di autonomia nell’espletamento delle funzioni della vita quotidiana.

Attività svolte e servizi offerti

L’Unità Multidimensionale d’Ambito è lo strumento che svolge una funzione di progettazione e orientamento a favore della famiglia e che garantisce la definizione e l’accompagnamento del progetto di vita in relazione ai bisogni espressi e i servizi esistenti

Modalità di accesso

Per avere informazioni e accedere all’ U.M.A.. il cittadino può rivolgersi al Servizio Sociale Professionale.

PROGETTI INDIVIDUALIZZATI PER PERSONE CON DISABILITA’

La legge 162/98 “misure di sostegno a favore dell’handicap grave” ha l’obiettivo di finanziare interventi di sostegno e accompagnamento, integrazione e socializzazione attraverso progetti personalizzati, a favore di persone con grave disabilità.

A chi si rivolge

Persone con disabilità grave ex legge 104/92 art. 3 comma 3

Attività svolte e servizi offerti

Il Servizio Sociale Professionale collabora con i soggetti del Terzo Settore nella elaborazione di progetti individualizzati in favore di persone con disabilità grave. SER.CO.P., nella sua funzione di soggetto attuatore del Piano di Zona, provvede alla definizione di bandi annuali per la presentazione dei progetti, alla definizione delle graduatorie, alla ammissione dei progetti stessi, ai finanziamenti e alla liquidazione dei relativi corrispettivi (Progetti Individualizzati)

Modalità di accesso

Per avere informazioni il cittadino può rivolgersi al Servizio Sociale Professionale.

Tempi

La Tempistica è esplicitata negli specifici bandi emessi in proposito periodicamente.

INSERIMENTO IN STRUTTURE DIURNE PER DISABILI (CDD, CSE, SFA)

Il Servizio Sociale Professionale provvede a supportare e ad accompagnare la persona con disabilità e la sua famiglia nella ricerca, individuazione e inserimento in strutture diurne sulla base del progetto di vita individuale.

A chi si rivolge

Persone con disabilità ex legge 104/92

Modalità di accesso

Per avere informazioni il cittadino può rivolgersi al Servizio Sociale Professionale

Tempi

La tempistica varia in funzione delle liste di attesa delle singole strutture.

Normativa di riferimento

–          Legge 328/2000 “Legge Quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”

–          Legge Regionale 1/1986 “Riorganizzazione e programmazione dei servizi socio-assistenziali della Regione Lombardia” (art.66) modificata dalla Legge Regionale n. 3/2008 “Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e sociosanitario” (art. 6, comma 4)

–          Legge 104/92 “Legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”

–          Legge Regionale 34/2004 “Politiche regionali per i minori”

–          Legge 266/91 “Legge quadro sul volontariato”

–          Legge 381/91 “Disciplina delle cooperative sociali”

–          Legge 68/99 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili”

–          Legge 6/2004 “Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all’istituzione dell’amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418, 424, 426, 427 e 429 del codice civile in materia di interdizione e di inabilitazione, nonchè relative norme di attuazione, di coordinamento e finali”

–          Legge 162/98 “misure di sostegno a favore dell’handicap grave”

E successive modifiche ed integrazioni.