P07 – Vorrei richiedere un permesso di costruire. Rev. 4 del 6.12.2018

Definizione

Si chiama Permesso di costruire il titolo abilitativo alla costruzione.  Ha sostituito la “Concessione Edilizia”. La domanda per il rilascio del permesso di costruire deve essere sottoscritta dal proprietario dell’immobile o da chi abbia titolo per richiederlo.

Normativa di riferimento

  • Testo Unico dell’edilizia D.P.R. 380/2001 e s.m.i.
  • L.R. 12/2005 e s.m.i.

Prerequisiti

CAMPO DI APPLICAZIONE

Sono subordinati a permesso di costruire tutti gli interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio, fatto salvo quanto disposto dall’art. 6 del D.P.R.380/2011, nonché dall’art. 33, commi 3 e 3bis e dall’art. 41 della L.R. 12/2005 e s.m.i.
Chi ha titolo per presentare istanza di permesso di costruire ha facoltà, alternativamente e per gli stessi interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia, di inoltrare al Comune Denuncia di Inizio Attività, salvo quanto disposto dall’art. 52, comma 3bis e dell’art. 41 della L.R. n. 12/2005.

Cosa occorre

L’interessato deve rivolgersi ad un tecnico abilitato per la compilazione della domanda (vai a PRATICHE EDILIZIE ON LINE) e per la stesura della relazione e degli elaborati progettuali.
Nel modulo devono essere indicati i dati del proprietario dell’immobile o dell’avente titolo e del tecnico progettista nonché dell’impresa esecutrice e il dettaglio delle opere da realizzare.

Contestualmente, nello stesso modulo, il tecnico deve sottoscrivere, sotto la propria responsabilità, una dichiarazione in cui attesta che tutte le opere elencate rispettano la vigente normativa urbanistica, igienico sanitaria e di sicurezza.

Al modulo il tecnico deve allegare e sottoscrivere gli elaborati grafici, che devono essere firmati e timbrati anche della impresa esecutrice delle opere.
L’interessato ha l’obbligo di comunicare al Comune:

  • la data di inizio lavori (utilizzando il modulo 2-EP-41) unitamente alla indicazione della ditta esecutrice dei lavori, al professionista abilitato direttore dei lavori, allegando ricevuta del versamento del contributo di costruzione, nomina al Soggetto certificatore di incarico della compilazione dell’attestato di certificazione energetica
  • la data di ultimazione dei lavori, (utilizzando il modulo 2-EP-43) unitamente alla dichiarazione del Direttore Lavori di conformità dell’opera al progetto e (se dovuta) ricevuta dell’avvenuta presentazione della variazione catastale conseguente alle opere realizzate (pena la sanzione di € 516,00 art. 37.5 D.P.R. 380/2001), allegando l’attestato di certificazione energetica redatto ed asseverato dal Soggetto certificatore;

Il Permesso di Costruire è soggetto al pagamento dei diritti di segreteria in base alla volumetria dell’intervento ed eventualmente al contributo di costruzione, pagabili:

  • mediante sistema elettronico utilizzando carte di credito VISA o MASTERCARD accedendo alla sezione PAGAMENTI ON LINE del sito dello Sportello del Cittadino
  • presso la Tesoreria Comunale – Banco BPM Spa di Settimo Milanese

Il Permesso di Costruire ha validità 3 anni dalla data di inizio lavori, che deve avvenire entro 1 anno dalla data di ricevimento della nota informativa dell’avvenuto rilascio del Permesso di Costruire.

Per le opere non completate va ripresentata dopo i 3 anni un’altra richiesta.
In caso di interventi realizzati in assenza di permesso di costruire o in assenza di denuncia di inizio attività o in difformità da essi, ai sensi dell’art. 36 del DPR n. 380/2001 e s.m.i, il responsabile dell’abuso o l’attuale proprietario dell’immobile possono ottenere il permesso in sanatoria se l’intervento risulti conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della realizzazione dello stesso, sia al momento della presentazione della domanda. Il rilascio del permesso in sanatoria è subordinato al pagamento, a titolo di oblazione, del contributo di costruzione in misura doppia.

ADEMPIMENTI DELL’AMMINISTRAZIONE

L’esame delle domande si svolge secondo l’ordine cronologico di presentazione.

Entro quarantacinque giorni dalla presentazione della domanda, il responsabile del procedimento cura l’istruttoria, acquisisce i prescritti pareri e gli atti di assenso eventualmente necessari, sempre che gli stessi non siano già stati allegati alla domanda dal richiedente e, valutata la conformità del progetto alla normativa vigente, formula una proposta di provvedimento, corredata da una dettagliata relazione, con la qualificazione tecnico-giuridica dell’intervento richiesto.

Il responsabile del procedimento, qualora ritenga che ai fini del rilascio del permesso di costruire sia necessario apportare modifiche di modesta entità rispetto al progetto originario, può richiedere tali modifiche, illustrandone le ragioni. L’interessato si pronuncia sulla richiesta di modifica entro il termine fissato e, in caso di adesione, è tenuto ad integrare la documentazione nei successivi quindici giorni. La richiesta di cui al presente comma sospende, fino al relativo esito, il decorso del termine per l’istruttoria.

Il termine può essere interrotto una sola volta dal responsabile del procedimento, entro quindici giorni dalla presentazione della domanda, esclusivamente per la motivata richiesta di documenti che integrino o completino la documentazione presentata e che non siano già nella disponibilità dell’amministrazione o che questa non possa acquisire autonomamente. In tal caso, il termine ricomincia a decorrere dalla data di ricezione della documentazione integrativa.

Il provvedimento finale è adottato dal dirigente o dal responsabile del competente ufficio comunale, entro quindici giorni dalla proposta del responsabile del procedimento. Dell’avvenuta emanazione del permesso di costruire è dato immediato avviso agli interessati, nonché notizia al pubblico mediante pubblicazione all’albo pretorio on-line. Gli estremi del permesso di costruire vanno indicati nel cartello esposto presso il cantiere, secondo le modalità stabilite nel regolamento edilizio.

 

Note

TEMPI DI LEGGE PER IL RILASCIO
Il dirigente rilascia il permesso di costruire entro 60 giorni dalla data di presentazione della domanda. Il termine può essere interrotto per la richiesta di documentazione integrativa. In tal caso, il termine di 60 giorni ricomincia a decorrere dalla data di ricezione della documentazione integrativa.

Nel caso di permesso di costruire in sanatoria, il dirigente si pronuncia con adeguata motivazione, entro 60 giorni decorsi i quali la richiesta si intende rifiutata.

TEMPI DI QUALITA’ PER IL RILASCIO
Il dirigente rilascia il permesso di costruire entro 58 giorni dalla data di presentazione della domanda. Il termine può essere interrotto per la richiesta di documentazione integrativa. In tal caso, il termine di 58 giorni ricomincia a decorrere dalla data di ricezione della documentazione integrativa.

Nel caso di permesso di costruire in sanatoria, il dirigente si pronuncia con adeguata motivazione, entro 58 giorni decorsi i quali la richiesta si intende rifiutata.