P03 – Cosa devo fare per lavorare in Comune. Rev.3 – 17/1/2018

Descrizione

Le modalità di reclutamento del personale e gli strumenti di cui l’ente locale può avvalersi per assumere personale, sono i seguenti:

  • procedure selettive volte all’accertamento della professionalità richiesta (per le categorie di accesso B.3, C, D.1 e D.3)
  • avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento per le categorie e i profili per i quali è richiesto il solo requisito della scuola dell’obbligo (categorie di accesso A.1 e B.1), facendo salvi gli eventuali ulteriori requisiti per specifiche professionalità. Possiede il requisito della scuola dell’obbligo anche chi abbia conseguito la licenza elementare anteriormente al 1962.

Le selezioni pubbliche possono essere:

  • per esami
  • per titoli
  • per titoli ed esami

Negli ultimi tempi le azioni regolamentari espresse dalla Giunta Comunale in materia di pubblici concorsi hanno privilegiato le selezioni per soli esami.
In caso di presentazione di un numero elevato di domande di partecipazione alle selezioni pubbliche, L’Amministrazione si riserva la facoltà di subordinare l’ammissione alle prove di esame, al superamento di una preselezione.

La Selezione Pubblica per esami (per le categorie di accesso B.3, C, D.1 e D.3)
In relazione al profilo professionale richiesto, la selezione pubblica per esami può consistere in due o più prove scritte, una delle quali a contenuto teorico-pratico, comprensiva di una prova sull’utilizzo delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse ed in una prova orale sulle materie di esame, comprendente un colloquio/test psico-attitudinale, oltre all’accertamento della conoscenza di una lingua straniera.

Il bando di concorso è l’atto contenente le regole normative che presiedono alla procedura concorsuale. Alle disposizioni contenute nel bando, considerata la natura vincolante dello stesso, debbono attenersi sia i partecipanti alla Selezione, sia la Commissione Giudicatrice che l’Amministrazione Comunale.
Il bando contiene quanti più elementi possibili di conoscenza per il candidato quali:

 

  • il numero dei posti che si intendono coprire con il concorso, il profilo professionale richiesto e la categoria di appartenenza
  • il termine e le modalità di presentazione delle domande
  • le tipologie di prove da sostenere
  • l’avviso circa la determinazione della sede e del diario delle prove (nel caso in cui questi due elementi non siano ancora stati decisi, si indica nel bando un rinvio a data successiva)
  • le materie che saranno oggetto delle varie tipologie di prove previste
  • l’indicazione della votazione minima richiesta per ottenere l’ammissione al colloquio orale e del punteggio minimo per ottenere l’idoneità
  • i requisiti soggettivi che il candidato deve possedere per ottenere l’ammissione all?impiego
  • i titoli che danno luogo a preferenza e a precedenza
  • la riserva di posti a favore di coloro che appartengono alle categorie protette
  • la percentuali di posti eventualmente riservati al personale interno
  • l’indicazione del trattamento economico lordo, comprensivo di tutti gli emolumenti

L’avviso del bando di concorso é soggetto a varie forme di pubblicità: sulla Gazzetta Ufficiale 4^ Serie Speciale Concorsi ed esami, mediante affissione all’albo pretorio del Comune di Settimo Milanese e dei Comuni limitrofi, sito internet e manifesti sul territorio comunale.

Le domande di ammissione al concorso, redatte in carta semplice, devono essere indirizzate e presentate direttamente o a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento al Sindaco del Comune di Settimo Milanese, o mediante posta elettronica certificata con esclusione di qualsiasi altro mezzo, entro il termine perentorio indicato nel bando.La data di spedizione delle domande é stabilita e comprovata dalla data apposta dall’ufficio postale accettante.

La domanda deve essere redatta secondo lo schema che viene allegato al bando di concorso, riportando tutte le indicazioni che, secondo le norme vigenti, i candidati sono tenuti a fornire.Alla domanda di partecipazione al concorso deve essere allegata, in originale, l’attestazione di versamento, mediante conto corrente postale o presso la Tesoreria Comunale,  della quota di iscrizione di € 7,50.L’amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.L’ammissione o l’esclusione dei candidati dal concorso avverrà tramite raccomandata con avviso di ricevuta o telegramma.

Il diario delle prove, se non indicato nel bando, ed ogni altra informazione successiva (ad es. ammissione alle prove scritte se precedute da test preselettivo, ammissione alle prove orali, punteggi conseguiti nelle prove,  graduatoria finale, ecc.) avverranno esclusivamente sul sito internet del Comune di Settimo Milanese.

La comunicazione  del diario delle prove scritte ai partecipanti alla procedura concorsuale avviene almeno 15 giorni prima dell’inizio delle prove scritte e almeno 20 giorni prima dell’inizio delle prove orali (art. 6, commi 1 e 3, del D.P.R. 487 del 9/5/1994); la conclusione delle procedura concorsuale avviene entro 6 mesi dalle prove scritte (art. 11, comma 5, del D.P.R. 487 del 9/5/1994).

L’avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento
Per l’assunzione di lavoratori da inquadrare nelle categorie di accesso A o B1 viene inoltrata direttamente al Centro per l’Impiego di Rho – Via Villafranca 8, la richiesta numerica di avviamento a selezione di un numero di lavoratori pari al doppio dei posti da ricoprire.
Il Centro per l’Impiego (generalmente il venerdì) pubblica le richieste degli Enti Pubblici con la descrizione dei profili professionali richiesti. Tali richieste vengono esposte anche presso la Sede Municipale di Settimo Milanese. Il Centro per l’Impiego perviene all’individuazione dei lavoratori da avviare a selezione presso le pubbliche amministrazioni, secondo l’ordine di punteggio fra coloro che si presentino al Centro in argomento nel giorno prefissato per l’avviamento (di norma il martedì).
Viene data la precedenza ai soggetti che risultino già inseriti nelle graduatorie. L’Amministrazione Comunale, entro dieci giorni dalla ricezione della comunicazione di avviamento, convoca i candidati per sottoporli alle prove di idoneità, seguendo scrupolosamente, per la chiamata, l’ordine di graduatoria.
La selezione consiste nello svolgimento di prove pratiche attitudinali mediante sperimentazioni lavorative.

Collocamento Obbligatorio
Il Comune di Settimo Milanese ha ampiamente superato il numero di disabili previsti in ruolo dalla normativa vigente.

 

Uffici responsabili del procedimento e dell’istruttoria

Dipartimento Affari Generali e Comunicazione – Ufficio Gestione Risorse Umane – tel. 02-33509227/269 – casella mail personale@comune.settimomilanese.mi.it

 

Termine del procedimento – tempi della qualità

Presentazione della domanda nei tempi previsti nel bando di concorso

 

Modulistica necessaria e documenti da allegare

Compilazione del modello 1-PE-01: domanda di partecipazione a selezione pubblica, allegando i documenti richiesti nel bando

 

Soggetto cui è attribuito il potere sostitutivo in caso di inerzia

Giulio Notarianni – Segretario generale – tel. 02.333509206 – casella mail garantetermini@comune.settimomilanese.mi.it

 

 

 

Normativa di riferimento

La Selezione Pubblica per esami (per le categorie di accesso B.3, C, D.1 e D.3): normativa di riferimento
– Legge n.448 del 23/12/1998
– Legge n.144 del 17/05/1999
– Legge n.488 del 23/12/1999
– D.P.C.M. n.306 – 15/07/1999
– D.P.C.M. n.452 – 21/12/2000
– D.P.C.M. n.337 – 25/05/2001
– D.M. n.34 – 15/03/2002
– D.P.R. 487 del 09/05/1994
– D.P.R. 693 del 30/10/1996
– D.lgs. 165 del 30/03/2001
– Regolamento comunale sull’Ordinamento Generale degli Uffici e dei Servizi approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 46 del 24.3.2015

L’avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento
– Legge 56 del 28/02/1987 – Art. 16
– D.P.R. 487 del 09/05/1994

Collocamento Obbligatorio
– Legge 68 del 12 /03/1999
– Art. 5 del D.P.R. 487 del 09/05/1994

Prerequisiti

La Selezione Pubblica per esami (per le categorie di accesso B.3, C, D.1 e D.3)
Requisiti soggettivi previsti nel bando

L’avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento
Iscrizione al Centro per l’Impiego di Rho – Via Villafranca 8 – Tel.02.9392301.

Collocamento Obbligatorio
Riconoscimento dell’invalidità da parte delle Commissioni competenti (A.S.L.) che danno diritto di accedere al sistema per l’inserimento lavorativo dei disabili. Iscrizione nell’apposito elenco presso il Servizio per l’Occupazione dei disabili.

 

Cosa occorre

La selezione pubblica per esami (per le categorie di accesso B.3, C, D.1 e D.3)

Per partecipare alla Selezione è sufficiente compilare l’apposito modello, al quale deve essere allegata in originale, l’attestazione di versamento, mediante conto corrente postale o presso la Tesoreria Comunale,  della quota di iscrizione di € 7,50. Il modello dovrà poi essere consegnato allo Sportello del Cittadino o spedito a mezzo raccomandata A.R. entro la data di scadenza del bando.

L’avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento
I candidati si devono presentare alla Selezione con la nostra lettera di convocazione.

Collocamento Obbligatorio
I candidati si devono presentare alla Selezione con la nostra lettera di convocazione