Settimo Piano: vicini di casa

Lotta alla morosità e miglioramento della qualità dell’abitare nei quartieri di edilizia comunale sono due temi che impegnano da tempo la nostra Amministrazione.

Nei mesi scorsi, io e il sindaco abbiamo incontrato personalmente tutti gli inquilini che hanno accumulato un debito nei confronti dell’amministrazione, cercando di comprenderne le motivazioni e di giungere alla risoluzione del problema. Nella maggior parte dei

casi, siamo riusciti a concordare dei piani di rientro compatibili con le difficoltà  economiche di ciascuna famiglia o di attivare forme di sostegno e accompagnamento da parte dei servizi sociali per tutte quelle situazioni non ancora note che ne avevano bisogno, in modo da trovare le soluzioni con divise più adeguate.

Avviato questo percorso non  semplice, anche in relazione  a complessi passaggi procedurali ancora in corso tra la vecchia gestione e l’attuale gestore dell’edilizia residenziale pubblica, abbiamo deciso di incontrare personalmente ciascun inquilino andando casa per casa a verificare il grado di cura degli appartamenti e degli spazi comuni, ma soprattutto ad accogliere eventuali segnalazioni o bisogni. Oltre alle richieste concrete legate alle manutenzioni degli immobili su cui abbiamo prontamente attivato gli uffici competenti, in molti contesti è emersa fortemente la necessità di presidiare relazioni problematiche o di mediare conflitti e incomprensioni tra vicini di casa.

Abbiamo deciso di partecipare ad un bando regionale dedicato proprio all’”attivazione di laboratori sociali” e all’”inclusione attiva nei quartieri di edilizia residenziale pubblica”. Ne è nato un progetto dal titolo “Settimo piano: vicini di casa”, costruito insieme a diversi partner (Afol metropolitana, Aler Milano, consorzio Cooperho, cooperative La Cordata e Comin), che è stato selezionato e finanziato.

I fondi, 251.900 euro circa, messi a disposizione dagli specifici programmi di finanziamento dell’Unione Europea e che potranno essere utilizzati nel 2019 e nel 2020, serviranno a mettere in campo diverse azioni in grado di favorire la coesione sociale e il rispetto delle regole di convivenza, oltre ad erodere il troppo diffuso fenomeno della morosità.

 

Stefano Panzeri
Assessore al Welfare di Comunità
(Politiche Sociali, Lavoro, Politiche Giovanili, Politiche per la casa)

 

  • Aree Tematiche