P07-Vorrei richiedere un’autorizz. x Piano Attuativo x lottizz.area edif/recup. imm.esist.-0-12.4.13

Definizione

Gli Ambiti di Trasformazione e gli interventi finalizzati al Recupero di immobili esistenti, individuati nel Piano delle Regole del PGT con opportuna individuazione grafica richiedono, prima della presentazione della richiesta del titolo abilitativo, la approvazione di specifico Piano Attuativo.La domanda per la approvazione di un Piano Attuativo deve essere sottoscritta dal proprietario dell’immobile o da chi abbia titolo per richiederlo.

 

Normativa di riferimento

Testo Unico dell’edilizia D.P.R. 380/2001 e s.m.i.L.R. 12/2005 e s.m.i.

 

Prerequisiti  

CAMPO DI APPLICAZIONE

Sono subordinati alla approvazione di Pianto Attuativo tutti gli interventi previsti negli Ambiti di trasformazione, gli interventi di ristrutturazione, ricostruzione o nuova costruzione previsti nelle zone di Recupero e i restanti interventi come previsto dalle N.T.A. del Piano delle Regole del PGT.

 

Cosa occorre

L’interessato deve rivolgersi ad un tecnico abilitato per la presentazione della proposta di Piano Attuativo (non è previsto uno specifico modulo) e per la stesura della relazione e degli elaborati progettuali.
Nella nota di presentazione devono comunque essere indicati i dati del proprietario dell’immobile o dell’avente titolo e del tecnico progettista.Gli allegati, sottoscritti dal proprietario dell’immobile o dell’avente titolo e dal tecnico progettista, sono quelli meglio descritti all’art. 9 delle N.T.A. del Piano delle Regole del PGT. Il Piano Attuativo ha validità espressa nella convenzione che ne regola gli obblighi, di norma di 10 anni dalla data di stipula della convenzione stessa.
ADEMPIMENTI DELL’AMMINISTRAZIONEL’esame delle istanze si svolge secondo l’ordine cronologico di presentazione. Entro sessanta (55 x la qualità) giorni dalla presentazione della domanda, il responsabile del procedimento cura l’istruttoria, acquisisce i prescritti pareri e gli atti di assenso eventualmente necessari, sempre che gli stessi non siano già stati allegati alla domanda dal richiedente e, valutata la conformità del progetto alla normativa vigente, formula una proposta di provvedimento, corredata da una dettagliata relazione, con la qualificazione tecnico-giuridica dell’intervento richiesto. Durante l’istruttoria, qualora necessario, potranno essere richieste eventuali integrazioni documentali.La richiesta di integrazione sospende, fino al relativo esito, il decorso del termine per l’istruttoria.

 

Note

TEMPI DI LEGGE PER LA APPROVAZIONEI piani attuativi (e loro varianti), conformi alle previsioni degli atti di PGT, sono adottati dalla giunta comunale; nel caso si tratti di piani di iniziativa privata, l’adozione interviene entro novanta (85 X la qualità) giorni dalla presentazione al comune del piano attuativo o della variante.  Tale termine può essere interrotto per la richiesta di eventuali integrazioni documentali, o per modifiche progettuali ritenute necessarie per l’adeguamento dello stesso alle prescrizioni normative vigenti.In tal caso il termine di novanta giorni decorre nuovamente per la conclusione della fase istruttoria.  La deliberazione di adozione è depositata per quindici giorni consecutivi nella segreteria comunale, unitamente a tutti gli elaborati; Durante il periodo di pubblicazione, chiunque ha facoltà di prendere visione degli atti depositati può presentare osservazioni.Entro sessanta giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle osservazioni, la giunta comunale approva il piano attuativo decidendo nel contempo sulle osservazioni presentate.

La stipula della convenzione deve avvenire entro sei mesi dalla data della approvazione definitiva del Piano Attuativo.